Cosa vedere a Genova: la guida completa

Genova austera, vibrante, ampia! Luogo unico dai trecento ripiani a terrazza sul mare, ornata di parchi stupendi! Genova, dove i tramways sono gli ascensori! Le strade ed i quartieri, sovrapposti, si aggrovigliano, si superano, si ricongiungono, si dividono ancora… Città a sorpresa!, il cui uso insinua un’astuta saggezza: una scalinata, un àndito, un archivolto, una passerella, una galleria conducono in pochi minuti ad un palazzo, ad una piazza alla quale non si sarebbe giunti che in un’ora, seguendo le strade.
Valery Larbaud

Genova è proprio questo, un intrico di vie dall’animo apparentemente duro, che quando meno te lo aspetti si apre su di una piazza o sul mare, mostrandosi in tutta la sua bellezza.

Proprio come noi genovesi, apparentemente chiusi e scorbutici, anche tra noi stessi, capaci di resistere con caparbietà ai continui attacchi di Madre Natura, capaci di aprire il cuore e mostrarci in tutta la nostra umanità quando meno te lo aspetti.

Una città di cui si è parlato molto negli ultimi tempi, nel bene e nel male.

Una città dai forti contrasti, che sa farti arrabbiare come poche, ma sa anche farti innamorare perdutamente.

Croce e delizia di ogni genovese, che continua a sbraitare “Basta, ora me ne vado!”, salvo poi rimanere inesorabilmente legato a lei.

Alcuni partono davvero e dopo qualche anno tornano.

Altri si trasferiscono definitivamente in cerca di fortuna altrove, trovando un modo per convivere con questa nostalgia che solo chi è cresciuto sul mare conosce.

Questo vuole essere una sorta di riassunto di tutto quello che Genova ha da offrire sia al turista, che ai genovesi stessi.

Ecco quindi una guida completa su cosa vedere a Genova.

 

Cosa vedere a Genova: la Lanterna

Lanterna di Genova

Costruita nel Trecento, la Lanterna sorge all’ingresso del porto ed è il simbolo della città di Genova.

Alta 77 metri, per secoli ha segnalato alle navi l’ingresso nel porto, in origine con un sistema a legna, sostituito poi da una lanterna ad olio.

Annesso alla torre si trova il Museo della Lanterna, dedicato alla città e al territorio che la circonda.

È raggiungibile a piedi con una passeggiata di circa 800 metri, percorrendo la strada che dal terminal traghetti costegia le vecchie mura della città.

 

Cosa vedere a Genova: il Porto Antico

Porto Antico di Genova

Originariamente centro dell’attività portuale e mercantile della città, il Porto Antico oggi è un’area di svago che attrae ogni giorno turisti e genovesi in egual misura.

Qui è possibile trovare locali, musei ed il celebre Acquario, cosí come limitarsi a fare una passeggiata nelle belle giornate di sole ed addentrarsi sotto le folkloristiche arcate di Sottoripa, dove si trovano trattorie, friggitorie, locali e negozi etnici, addentrandovi in un caos multiculturale unico nel suo genere.

In occasione delle Colombiadi del 1992, ossia le celebrazioni per il cinquecentenario della scoperta dell’America, quest’area ha cambiato totalmente faccia grazie all’intervento architettonico di Renzo Piano, che ha saputo trasformarla da semplice porto in luogo di attrazione turistica.

Cosa vedere al Porto Antico di Genova?

Palazzo San Giorgio

Con le sue facciate distintive, Palazzo San Giorgio sembra voler accogliere i visitatori che giungono al Porto Antico. Noto come la prigione di Marco Polo, è conosciuto anche come sede della dogana e della banca genovese.

La Villa del Principe

Costruita nella prima metà del XVI secolo per volere dell’Ammiraglio Andrea Doria, Villa del Principe ed il suo meraviglioso giardino sono oggi visitabili.

Qui è possibile ammirare affreschi, arazzi e arredi d’epoca.

L’Acquario

L’Acquario è indubbiamente una delle pricipali attrazioni turistiche della città. Inaugurato nel 1992, si tratta del più grande acquario italiano ed il secondo in Europa.

Nelle sue vasche ospita più di 1200 esemplari di 600 diverse specie non solo provenienti dal mondo marino, ma anche dai bacini di acqua dolce e dalle foreste pluviali, suddivisi in circa 70 vasche.

Un luogo magico capace di incantare adulti e bambini, che porta il visitatore ad immergersi in un mondo sottomarino fatto di delfini, squali, tartarughe, foche e pinguini.

Galata Museo del Mare

Galata museo del mareUn’ex repubblica marinara come Genova non può non avere un museo dedicato al mare ed alla navigazione!

Il Galata Museo del Mare è difatti il più grande museo marittimo dedicato alla storia della navigazione.

Nei suoi 1200 mq di spazio espositivo è possibile ammirare strumenti, carte nautiche e riproduzioni di imbarcazioni, oltre che fare un vero e proprio viaggio nel tempo, imbarcandosi su di una nave ed esplorare le sue cabine interne nello spazio interattivo posto al terzo piano.

Al quarto piano si trova il Mirador, una terrazza panoramica che consente di ammirare il panorama su Genova a 360 gradi.

Cosa vedere a GenovaIl Sottomarino Nazario Sauro

Se vuoi letteralmente immergerti nella vita a bordo di un vero sommergibile, il sottomarino Nazario Sauro è quello che fa per te.

Costruito per la Marina Militare nel 1976 e dismesso nel 2002, il sottomarino è stato successivamente donato al Museo del Mare e musealizzato mantenendo gli interni il quanto più possibile originali.

Per la sua visita devi rivolgerti alla biglietteria del Galata Museo del Mare.

Il Galeone Neptune

Il Neptune, meglio conosciuto come il Galeone dei Pirati, fu costruito per il set del film “Pirati” girato da Roman Polanski nel 1986, e riproduce un galeone spagnolo del 1600.

Visitabile anche al suo interno, rappresenta una delle principali attrazioni per bambini della città.

BiosferaLa Biosfera

Impossibile non notare questa enorme sfera in vetro e acciaio, progettata da Renzo Piano, che sorge all’interno del Porto Antico, proprio a fianco dell’Acquario.

All’ interno della Biosfera è possibile visitare la riproduzione di una microclima tropicale, con oltre 150 specie vegetali e animali.

Il Bigo

Cosa vedere a Genova, il BigoElevato a simbolo del Porto Antico, il Bigo si fa riconoscere per la sua particolarissima struttura che torreggia al centro del porto

Questo ascensore panoramico offre una visuale a 360 gradi sul porto e sui tetti della città.

 I Magazzini del Cotone

Realizzati all’inizio del Novecento per conservare il cotone scaricato dalle navi, oggi i Magazzini del Cotone ospitano un centro polifunzionale, un cinema multisala, locali e negozi, oltre che la famosa Città dei Bambini.

La Città dei Bambini

2.000 metri quadri di spazio espositivo interattivo dedicato ai piccoli, la Città dei Bambini offre oltre 50 exhibit multimediali e interattivi con cui giocare e scoprire la scienza e la tecnologia, in un’esperienza didattica dedicata a tutta la famiglia.

Ruota panoramicaLa Ruota Panoramica

Novità assoluta degli ultimi due anni, è possibile salire sulla Ruota Panoramica eretta oltre i Magazzini del Cotone nel periodo invernale. Da qui è possibile ammirare il porto di Genova dall’alto ed i tetti della città.

 

 

 

 

Cosa vedere a Genova: il Centro Storico

Dietro i palazzi storici della città, alle spalle del Porto Antico e oltre le vie dello shopping, troviamo il Centro Storico di Genova, l’anello di congiunzione pedonale tra le principali attrattive cittadine.

Centro Storico di GenovaQui puoi immergerti nel lato più autentico della città, vagabondando senza meta per gli stretti caruggi, alzando lo sguardo per ammirare gli antichi palazzi, sbucando su vie pedonali trafficate e piazze ricche di locali, per poi deviare nuovamente in uno streto vicolo, passando sotto a dei voltini e ritrovandosi nel cuore multietnico di Genova.

Un fitto labirinto costruito in origine per difendersi dai pirati, diventato in epoca medoevale il cuore pulsante della vita economica cittadina.

Tra botteghe artigiane, negozi etnici, prostitute agli angoli delle strade più remote, locali simbolo della movida genovese e trattorie tipiche, i vicoli di Genova sono una meraviglia tutta da esplorare.

Attenzione però al calare della notte, meglio rimanere lungo le vie più trafficate ed evitare di addentrarsi nei “caruggi” secondari!

La Cattedrale di San Lorenzo

Cattedrale di San LorenzoLuogo di culto principale della città, la Cattedrale di San Lorenzo venne edificata con i proventi delle Crociate e per secoli fu il centro della vita civile e politica della città.

La sua iconica facciata in stile gotico genovese sembra volersi mostrare superba in tutto il suo splendore sul visitatore che si affaccia sull’omonima piazza.

Al suo interno è possibile ammirare opere scultoree e pittoriche, oltre che capolavori di arte sacra custoditi all’interno del Museo del Tesoro della Cattedrale.

Piazza delle erbe

Apparentemente nascosta tra i “caruggi” del Centro Storico, Piazza delle Erbe è il centro della movida genovese. Qui è possibile trovare molti locali in cui prendere un aperitivo o ritrovarsi dopo cena per un drink.

Piazza San Matteo

Piazza San Matteo è un perfetto esempio di insediamento nobiliare di epoca medievale, con le caratteristiche facciate dei palazzi che qui si affacciano decorate a bande bianche e nere.

Centro di potere della famiglia Doria, in origine proprietaria dell’intera piazza, qui è possibile ammirare anche l’omonima Chiesa di San Matteo, fondata nel 1125 ed in seguito riedificata in stile gotico.

Le botteghe storiche

Le botteghe storicheNel dedalo dei vicoli del Centro Storico è possibile imbattersi in alcune Botteghe Storiche, ossia negozi autentici facenti parti della storia economica genovese, rimasti inalterati negli anni e passati di mano solitamente all’interno della famiglia di generazione in generazione.

Non si tratta di attrazioni turistiche, ma bensí di vere e proprie botteghe in piena attività che servono quotidianamente gli abitanti di Genova.

 

Cosa vedere a Genova: i palazzi dei Rolli

I palazzi dei Rolli

Il centro storico di Genova per dimensioni risulta secondario solamente a quello di Venezia.

I palazzi dei Rolli altro non sono che tutta una serie di dimore nobiliari originariamente inserite in una lista, i Rolli per l’appunto, in cui venivano annotate tutte i palazzi più belli della città che potevano essere utilizzati per ospitare le personalità di spicco in visita nel capoluogo.

Oggi diventati sede di musei, banche, camera di commercio e del municipio, i palazzi dei Rolli si possono trovare principalmente lungo via Garibaldi, via Cairoli e via Balbi.

All’incirca due volte l’anno il comune organizza dei weekend, i Rolli Days, in cui apre le porte di questi palazzi ai visitatori e offre visite guidate al loro interno.

 

Via Garibaldi

Nominata bene del Patrimonio UNESCO nel 2006, via Garibaldi, la “Strada Nuova” edificata a metà del XVI secolo, è un perfetto esempio di via nobiliare genovese.

È detta anche “Via Aurea” per l’importanza degli edifici che qui si affacciano e che ospitano musei, uffici e la sede del comune di Genova.

Passeggiando lungo la via è possibile immergersi in un’atmosfera surreale, austera ed elegante, in netto contrasto con le vie che da qui partono e si incanalano in quel labirinto brulicante che sono i vicoli di Genova.

 

I musei di Strada Nuova

I Musei di Strada Nuova costituiscono un percorso espositivo all’interno di tre dei maggiori palazzi che affacciano su via Garibaldi, ossia Palazzo Rosso, Palazzo Bianco e Palazzo Tursi.

I musei di Strada Nuova

Palazzo Rosso

Ex dimora nobiliare, Palazzo Rosso è sede museale facente parte del percorso dei Musei di Strada Nuova.

Al suo interno è possibile ammirare affreschi dei maggiori pittori liguri del Seicento, arredi preziosi e dipinti di grande pregio.

Palazzo Bianco

Palazzo Bianco ospita un’ampia raccolta di pittura genovese, italiana ed europea che si espande a partire dal XVI secolo fino ad arrivare al XVIII secolo.

Palazzo Doria Tursi

Oltre ad ospitare le sale di rappresentanza del sindaco, Palazzo Doria Tursi si presenta come un’espansione museale della galleria di Palazzo Bianco. Nelle sue sale è possibile ammirare pezzi unici come il Guarneri del Gesù, violino appartenuto a Paganini, una notevole esposizione di opere d’arte decorativa, e la raccolta delle monete, dei pesi e delle misure ufficiali dell’antica Repubblica di Genova.

 

Via Balbi

Tracciata nel XVII secolo per volere della famiglia Balbi, che qui eresse numerosi edifici e ne fece il suo quartiere di residenza, via Balbi ospita oggi alcuni locali, la sede dell’università ed il famoso museo di Palazzo reale.

Museo di Palazzo Reale

Palazzo Reale GenovaCostruito nel XVI secolo per volere della famiglia Balbi, oggi Palazzo Reale ospita le sedi della Soprintendenza della Regione Liguria ed una Galleria di opere d’arte aperta al pubblico.

Il Museo si sviluppa attraverso una serie di eleganti stanze decorate con arredendi settecenteschi, oltre che sculture e dipinti di grande pregio.

 

Truogoli di Santa Brigida

Cosa vedere a GenovaProprio al centro tra l’elegante via Balbi e la celeberrima via Prè, si trovano i Truogoli di Santa Brigida, uno dei pochi lavatoi sopravvisuti negli anni in seguito alla diffusione delle lavatrici.

 

 

 

 

 

  

Cosa vedere a Genova: i punti panoramici della città

Per chi non vuole pagare per salire sul Bigo o sulla ruota panoramica, Genova offre anche alcuni meravigliosi punti panoramici da cui è possibile immortalare la città dall’alto.

Panorama Spianata Castelletto

Spianata Castelletto

Raggiungibile attraverso l’iconico ascensore in stile liberty che collega Piazza Portello a Belvedere Montaldo in Spianata Castelletto, oppure da via Garibaldi, imboccando Salita San Francesco, proprio di fianco a Palazzo della Meridiana, e percorrendo la mattonata in salita fino a sbucare sulla piazza panoramica.

Da Spianata Castelletto è possibile godere di una meravigliosa panoramica sul porto di Genova e sui tetti del centro storico, con le innumerevoli torrette che lo caratterizzano.

 

Castello D’Albertis

Arroccato sulle colline alle spalle del Porto di genova, Castello D’Albertis ospita oggi il Museo delle Culture del Mondo, in un percorso che attraversa le stanze della dimora del Capitano Enrico Alberto D’Albertis.

Questo museo rappresenta la quintessenza culturale genovese: la cultura marinaresca, il fascino per le terre lontane, la paura per l’ignoto, le esplorazioni e l’attaccamento alla terra d’origine.

 

Castello Mackenzie

Castello Mackenzie, sulle alture di Castelletto, è senza dubbio uno degli edifici più affascinanti di Genova.

Costruito all’inizio del Novecento, è oggi sede della casa d’aste Cambi, che lo ha adibito a polo museale privato e sede di esposizioni temporanee.

 

Museo d’arte Orientale Chiossone

Il Museo d’arte Orientale Chiossone, situato all’interno di Villeta Di Negro, ospita una magnifica raccolta di arte orientale cinese e giapponese, procacciata in Giappone da Edoardo Chiossone stesso alla fine dell’XIX secolo.

 

Cosa vedere a Genova: il centro di Genova

Se ti stai chiedendo cos’altro puoi vedere a Genova, sarai felice di sapere che il Centro Storico non è l’unico fulcro della vita cittadina. Alle sue spalle si può didifatti trovare un altro quartiere dalle strade più ampie, sede di uffici, bar locali e negozi.

Piazza della Vittoria Genova

Piazza della Vittoria

Cosí chiamata per celebrare la fine della Prima Guerra Mondiale, Piazza della Vittoria sembra voler accogliere in maniera trionfale il visitatore che esce dalla stazione di Genova Brignole.

Al centro la piazza è dominata da dall’Arco della Vittoria, eretto negli anni Trenta in onore ai caduti di guerra.

Alle sue spalle si erge la Scalinata del Milite Ignoto che, con un singolare gioco prospettico, attrae l’occhio del passante. Nota anche come scalinata delle Caravelle, per la rappresentazione delle tre navi di Cristoforo Colombo disegnate sull’erba.

Il Museo di Storia Naturale

Noto in ambito scientifico per i suoi quattro milioni di esemplari provenienti da tutto il mondo, il Museo di Storia Naturale offre la possibilità di ammirare le collezioni zoologiche, le raccolte botaniche, di minerali e di fossili.

Via XX Settembre

Da piazza della Vittoria è possibile dirigersi in salita lungo via XX Settembre, sede di uffici e fulcro dello shopping genovese, con i suoi negozi e locali.

Il Mercato Orientale

Proprio a metà di via XX Settembre è possibile entrare nel Mercato Orientale, che deve il suo nome al fatto che originariamente sorgeva di fianco alla porta orientale di Genova.

Qui i genovesi vengono a fare la spesa, aggirandosi tra gli innumerevoli banchi di frutta e verdura, formaggi, pesce, carne e fiori, e addentrandosi in un’atmosfera davvero particolare ed autentica.

Piazza De Ferrari

Piazza De FerrariCentro brulicante della città, Piazza De Ferrari rappresenta un luogo di ritrovo per i genovesi ed il punto di partenza per molte manifestazioni cittadine.

Al centro spicca la grande fontana di bronzo, opera dell’architetto Cesare Crosa di Vergagni, che la fece costruire nel 1936. Il suo perimetro è invece delineato da palazzi di spicco come Palazzo Ducale, il Palazzo della Regione Liguria, il Palazzo della Nuova Borsa, il Teatro Carlo Felice e l’Accademia Ligustica di Belle arti.

Teatro Carlo Felice

Centro artistico della città, il Teatro Carlo Felice offre ogni anno la possibilità di assistere a spettacoli come Musical, Opera e Balletto.

Galleria Mazzini

Costruita alla fine dell’Ottocento sull’esempio dei famosi passages di Parigi, Galleria Mazzini ospita eleganti negozi e locali, oltre che essere un luogo di ritrovo per intellettuali e personalità illustri.

Palazzo Ducale

In assoluto uno dei palazzi storici più importanti di Genova, Palazzo Ducale negli ultimi anni ha saputo elevarsi a centro della produzione culturale cittadina, ospitando ogni anno importanti mostre d’arte, convegni, incontri, festival e rassegne.

Porta Soprana

Porta Soprana era in origine l’ingresso per chiunque giungesse in città da Levante e faceva parte di un sistema difensivo eretto a protezione della città per scongiurare un attacco da parte di Federico Barbarossa nel 1155. Oggi rappresenta uno degli ingressi principali ai vicoli del Centro Storico di Genova. Le Torri di Sant’Andrea sono visitabili ancora oggi.

La casa natale di Cristoforo Colombo

La casa natale di Cristoforo Colombo si trova proprio di fronte all’ingresso di porta Soprana, di fianco al Chiostro di Sant’Andrea, e passa quasi inosservata agli occhi del passante. Anche questa è visitabile con un biglietto cumulativo che prevede anche l’accesso alle torri di Sant’Andrea.

 

Cosa vedere a Genova: Boccadasse

Boccadasse

Meraviglioso esempio di borgo tradizionale genovese, Boccadasse sorge proprio in fonto a Corso Italia, la via di collegamento tra il centro cittadino ed i quartieri a levante di Genova.

Le caratteristiche casette strette e colorate fanno da cornice ad un borgo fortunatamente scampato all’abuso edilizio e rimasto intatto negli anni.

I locali che affiorano tra le strette vie e che affacciano sul mare attraggono nel borgo marinaro, nelle belle giornate di sole, turisti e genovesi in egual maniera.

Le barche dei pescatori, ancora presenti seppur in numero minore rispetto al passato, donano alla baia quell’atmosfera meravigliosamente malinconica tipica di questo tratto di costa.

 

Cosa vedere a Genova: la Passeggiata di Nervi

La passeggiata e i parchi di Nervi

Se quello che cerchi è un angolo più tranquillo e autentico di Genova, allora la Passeggiata di Nervi è proprio quello che fa per te.

La passeggiata Anita Garibaldi, costruita alla fine dell’Ottocento, era in origine un antico sentiero utilizzato dai pescatori e dai contadini della zona per raggiungere i luoghi di pesca e i terreni agricoli sul mare. Si sviluppa per circa due chilometri in piano lungo la scogliera regalando paesaggi mozzafiato. Non a caso è spesso definita una delle più belle passeggiate d’Italia, anche se il moto del mare, le intemperie e un po’ di mancanza di cura hanno rovinato alcuni angoli.

Il parco di Villa GropalloI parchi di Nervi

A ridosso della passeggiata, numerosi accessi portano ai parchi di Nervi, una distesa verde di circa 92.000 mq in cui passeggiare e rilassarsi sull’erba nelle belle giornate di sole.

I musei di Nervi

Alle spalle dei Parchi di Nervi sorgono le ville Gropallo, Serra, Grimaldi e Luxoro, che ospitano una biblioteca, la Galleria d’Arte Moderna, le Raccolte Frugone ed il Museo Luxoro.

 

Cosa vedere a Genova: Villa Durazzo Pallavicini

Allontanandoci dal centro di Genova e dirigendoci verso ponente, a due passi dalla passeggiata di Pegli, sorge Villa Durazzo Pallavicini, costruita nel 1846 per volere del Marchese Ignazio Pallavicini.

Oggi è sede del Museo Archeologico e custodisce reperti liguri che vanno dalla preistoria all’epoca romana.

Il suo giardino di ispirazione romantica è uno spettacolo irrinunciabile. Si tratta di un vero e proprio parco concepito come se fosse una trama teatrale. Il soggetto della storia è il viaggio che l’uomo compie nel corso della sua vita. Un percorso di crescita interiore che lo spinge ad approfondire il rapporto con la propria anima e ad imparare ad apprezzare le meraviglie che il mondo ha da offrire.

 

I forti di Genova

gita ai forti di genova

Per gli amanti delle camminate, una gita ai Forti di Genova è un must!

Costruiti tra il XVIII e il XIX secolo con lo scopo di difendere Genova dalle minacce provenienti sia dal mare che dall’entroterra, i forti sono tutt’ora uno dei sistemi di fortificazioni più vasti d’Europa.

Ora in gran parte distrutti, questa gita offre la possibilità di immergersi nella natura, pur rimanendo vicino al centro cittadino, e ammirare il mare, i monti e la città dall’alto.

 

 

Ho cercato di elencare tutti i maggiori luoghi di interesse, ma se hai altri suggerimenti su cosa fare a Genova sentiti libero di suggerirmeli nei commenti qui sotto!

Provvederò ad aggiornare l’elenco!

3 Comments

  1. Che bella guida completa! Mi fa comprendere quanto Genova sia cambiata negli anni e quanto ci sia da vedere oltre il centro storico. Mi è venuta una gran voglia di tornarci per visitarla con attenzione, e per rendere omaggio ad una città con tanta storia che traspira dalle sue vie e dai suoi palazzi ma anche con una tensione al futuro che non si ferma di fronte agli ostacoli.

  2. Genova stimola la nostra curiosità orami da parecchio tempo!
    Personalmente non ci torno dai tempi della scuola … quindi parliamo davvero di tanti anni, Mi piacerebbe rivederla con gli occhi di oggi e visitare tutto quello che non abbiamo visto.
    Credo sia una città molto bella, ricca di contrasti e di panorami incantevoli!
    La tua guida, passo passo, per scoprire gli angoli interessanti della città è un ottimo punto di partenza per organizzare 🙂

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.