Grand Canyon: cosa vedere e come organizzare la visita

Che tu sia un amante o meno della natura, il Grand Canyon rappresenta una meraviglia universale e senza tempo – anche se in realtà ha ben 2 miliardi di anni. Rappresenta un gigantesco scrigno all’interno del quale è possibile scorgere tesori geologici unici al mondo. Un luogo che offre non soltanto bellezza, ma anche esperienze adrenaliniche e divertenti.

Indubbiamente uno dei luoghi più emozionanti che io abbia mai visitato. Ovviamente la grande immensità è ciò che colpisce prima di ogni altra cosa: la luce del sole, le ombre, i colori, le oasi lussureggianti, le colline e un fiume che si snoda tutto intorno alle rocce. 

Insomma, visitare il Grand Canyon è sicuramente una delle esperienze più belle ed affascinanti da fare almeno una volta nella vita. In questa guida ho cercato di riassumere tutte le informazioni necessarie per la programmazione del viaggio. 

INDICE

Origini del Grand Canyon: come si è formato

L’origine del Grand Canyon è da sempre molto dibattuta, e ancora oggi non possiamo fornire una risposta definitiva. Nel corso del tempo sono stati condotti studi e ricerche per stabilire come sia nato il Grand Canyon, e spesso questi studi hanno portato a risposte anche molto diverse tra loro.

In un primo momento si diceva che la sua formazione fosse opera dell‘erosione del fiume Colorado circa 7 milioni di anni fa. In tempi più recenti un altro studio – condotto da due ricercatori dell’Università del Colorado e del California Institute of Technology – ha dimostrato come la voragine in realtà fosse già presente ai tempi dei dinosauri – quindi 70 milioni di anni fa. 

Un’altra teoria sostiene una tesi ancora diversa, in particolare facendo risalire la formazione del Grand Canyon ad un fortissimo terremoto di circa 6 o 7 milioni di anni fa. Il terremoto avrebbe causato la fuoriuscita di magma e quindi conseguentemente si sarebbe verificato un forte innalzamento dell’altopiano, creando nuove valli che precedentemente non esistevano.

Grand Canyon
Il Grand Canyon

Cosa vedere in due giorni: come organizzare la visita

Partiamo subito da questa considerazione: visitare tutto il Grand Canyon in due giorni non è assolutamente possibile. Questo però non vuol dire che non si possa godere di un’esperienza unica anche in se si ha poco tempo a disposizione! 

Un consiglio per organizzare la tua visita al meglio è quello di prendere parte ad una delle escursioni guidate che trovi più avanti in questo articolo. Ovviamente sto parlando di escursioni relativamente brevi, in modo tale da sfruttare al meglio il tempo che hai a disposizione per visitare il Grand Canyon. Ecco allora i percorsi più famosi che puoi fare in questo ridotto lasso di tempo. 

Sentieri del South Rim

  • Rim Trail: difficoltà facile 
  • Bright Angel Trail: difficoltà da media ad ardua 
  • South Kaibab Trail: difficoltà da media ad ardua

Sentieri del North Rim

  • Bright Angel Point: difficoltà facile
  • Widforss Trail: difficoltà da media ad ardua 
  • North Kaibab Trail: difficoltà da media ad ardua 

South Rim: cosa vedere e cosa fare

Il South Rim rappresenta la sponda del Grand Canyon più visitata, tanto che non è un caso che sia la parte più attrezzata con alloggi, centro visitatori e ristoranti. Questa è la parte che ho visitato anch’io durante la mia breve visita al Grand Canyon.

Nonostante sia una zona molto più turistica rispetto al North Rim, non vuol dire che non valga la pena di essere visitata! Infatti questa parte del Grand Canyon è ricca di punti panoramici, fra cui i più noti ci sono Grandview Point, Desert View, Mather Point, Buggeln, Hopi Point (il più consigliato al tramonto) e Hermits Rest

Mather Point Grand Canyon South Rim
Mather Point, Grand Canyon South Rim – Photo by Erik Jacobson on Unsplash

North Rim: cosa vedere e cosa fare

Il North Rim è sicuramente il versante più tranquillo, è più alto ed esposto ma meno accessibile. Innanzitutto devi sapere che le strutture ricettive presenti in questa zona sono chiuse da ottobre a metà maggio, così come il parco stesso durante tutto l’inverno. Non ci sono servizi navetta o autobus, e nemmeno musei. Ma se la vostra intenzione è quella di un viaggio più wild, il North Rim è la scelta migliore!

Bright Angel Point Grand Canyon North Rim
Bright Angel Point, Grand Canyon North Rim – Photo by Roger Lipera on Unsplash

West Rim: cosa vedere e cosa fare

Il West Rim rappresenta invece il punto del Grand Canyon più vicino e facilmente raggiungibile da Las Vegas. È importante però sapere che tutta l’area West è gestita dagli indiani Hualapai, e quindi risulta essere completamente indipendente dal Grand Canyon South e North Rim – gestiti invece dal National Park Service. 

Se siete in cerca di punti panoramici e di zone non troppo turistiche questa zona offre degli scorci splendidi. Il più famoso è sicuramente lo Skywalk – di cui parleremo più avanti. Ma il West Rim, oltre ad essere un posto perfetto per soggiornare, ospita anche rievocazioni storiche che vengono organizzate direttamente dai nativi indiani.

Grand Canyon West Rim
Grand Canyon West Rim – Photo by Justin Wang on Unsplash

Punti Panoramici

Ecco alcuni dei punti panoramici più belli del Grand Canyon

Punti panoramici Grand Canyon
Si, lungo i sentieri del Grand Canyon le vertigini si fanno sentire!

Mather Point

Mather Point è la prima fermata della navetta nell’orange route – per questo anche una delle più affollate. La vastità del panorama è unica, ma unico è soprattutto il colore delle rocce, che riesce a creare un contrasto meraviglioso con quello del cielo e delle nuvole. Dal bordo del punto più panoramico c’è un piccolo sentiero che porta un po’ più in basso e più vicino al panorama – sicuramente meno affollato. 

Yavapain Point

Si trova a 15 minuti a piedi dal Mather Point. Da qui si può avere una visione del Grand Canyon un pò più ampia e si trovano diversi punti panoramici attraverso cui ammirare il paesaggio e fare foto uniche. Inoltre da qui si può ammirare una bellissima alba, per cui se alloggi presso lo Yavapai Lodge questo punto panoramico è imperdibile!  

Desert View

Questo punto panoramico non si può raggiungere con la navette, ma è possibile arrivare soltanto con la macchina. La vista da Desert View è ricca dei colori più accesi e vividi del Grand Canyon, e si nota anche l’insenatura del fiume Colorado.  È presente anche una piccola torre panoramica – la Watchtower – da cui si può godere ancora di più della splendida visuale.

Lo Skywalk Grand Canyon

Lo Skywalk altro non è che una passerella panoramica a forma di ferro di cavallo. È possibile sedersi e passeggiare. È famosa per:

  • la sua sporgenza, è infatti totalmente sospesa – parliamo di un’altezza di oltre 360 metri e con ben 21 metri oltre il margine;
  • la sua struttura è fondamentalmente formata da materiale trasparente;
  • il panorama è da brividi! 
Grand Canyon Skywalk
Grand Canyon Skywalk – Photo by Justin Wang on Unsplash

Le migliori escursioni a piedi

Abbiamo già detto come le escursioni a piedi siano una delle esperienze più belle da fare una volta arrivati al Grand Canyon. Tuttavia ci tengo a sottolineare che, per la maggior parte, non sono del tutto adatte a chi soffre spiccatamente di vertigini. Molte dei sentieri, infatti, seppur piuttosto larghi e ben tenuti, scendono lungo le pareti verticali del canyon senza protezione a valle. Si consiglia inoltre di indossare scarpe da trekking e vestirsi adeguatamente. Scopriamo le principali escursioni..

Rim Trail

E’ sicuramente il sentiero più famoso di tutto il South Rim, ma è anche il più flessibile e agevole. E’ inoltre possibile personalizzarlo a seconda delle esigenze fisiche e organizzative. Lungo questa facile escursione del Grand Canyon è possibile godere dei punti panoramici più belli del versante Sud.

Bright Angel Trail

Con questa escursione avrete la possibilità di scendere per circa 15 km nel cuore del Grand Canyon, fino le sponde del Colorado River. Da sottolineare il fatto però che non è possibile raggiungere il fiume in un solo giorno, per cui se avete intenzione di arrivare fino in fondo dovrete usufruire di due giorni del vostro viaggio e organizzarvi a dovere. In alternativa, potete fare come me e percorrere solamente il tratto iniziale, tornando poi indietro per lo stesso sentiero.

Bright Angel Point

Si tratta di una facile escursione nel North Rim, ma conduce ad uno dei punti panoramici più belli di tutto il Grand Canyon. Inoltre il sentiero è pavimentato, per cui è accessibile a tutti.

Trekking al Grand Canyon
Trekking al Grand Canyon

Tour organizzati e escursioni giornaliere

Ecco invece alcuni tour organizzati se preferisci approfondire la tua conoscenza della zona.

Escursione al Grand Canyon in italiano

L’escursione al Grand Canyon – completamente in Italiano – è l’ideale per scoprire la zona e visitare il famoso Skywalk con i suoi panorami mozzafiato. Non solo! Sarà possibile scoprire le tradizioni dei nativi americani all’interno del villaggio della tribù Hualapai. Il tour prevede la partenza da Las Vegas.

Escursione privata al Grand Canyon per gruppi

Escursione privata con guida in italiano! 9 ore di escursione per scoprire tutti i segreti legati alla  storia del deserto del Mojave. Il vantaggio di prenotare un tour privato è quello soprattutto di realizzare l’itinerario in qualsiasi giorno della settimana. Da considerare anche il fatto che se siete un gruppo numeroso, risparmierete!

Escursione al Grand Canyon di South Rim in inglese

L’escursione al Grand Canyon di South Rim per gruppi può essere una valida soluzione per visitare il Grand Canyon nella sua parte meridionale. Inoltre al momento della prenotazione è possibile scegliere l’opzione che include un giro di 25 minuti in elicottero. Sicuramente un’esperienza indimenticabile! Anche questa con partenza da Las Vegas.

Escursione all’Antelope Canyon in italiano

L’Antelope Canyon è certamente uno dei luoghi più magici dell’Arizona. Con questa escursione in italiano sarà possibile visitare la parte inferiore del canyon, per contemplare paesaggi davvero incredibili. Anche questa con partenza da Las Vegas.

Tour in elicottero sul Grand Canyon in inglese

Osservare il Grand Canyon da un elicottero è sicuramente un’esperienza unica e imperdibile! Con questo tour vedrai dall’alto le attrazioni più importanti degli Stati Uniti e conoscerai West Rim.

Scopri tutti gli altri tour organizzati per visitare il Grand Canyon su Civitatis.

Quanto costa l’ingresso: prezzi dei biglietti

L’ingresso al parco costa:

  • 35$ per ogni veicolo privato
  • 15$ per pedone o ciclista

Il biglietto di ingresso è valido 7 giorni ed è lo stesso sia per il North Rim che per il South Rim. Il biglietto per il National Park – 80$ – è disponibile a tutte le  entrate del Parco.

Come raggiungere il Grand Canyon

Il South Rim è situato a circa 100 km a nord di Williams – in Arizona. Da qui è raggiungibile seguendo l’autostrada 64 dalla interstate 40. Se invece arrivate da Flagstaff, è raggiungibile dalle autostrade 180 e 64. Esiste un servizio aereo – abbastanza limitato – che fa scalo all’aeroporto del Grand Canyon per voli che provengono da Arizona, Scottsdale, Las Vegas nord e Nevada.

Il North Rim si trova invece nel Kaibab Plateau. Per raggiungerlo bisogna percorrere la highway 67 lasciando la us 89A da Jacob Lake. Da Page invece sono circa 2 ore e mezza di auto, contro un’ora e mezza arrivando da Kanab.

Qual è la stagione migliore per visitarlo e temperature

Non so perché, ma ho sempre associato il Grand Canyon al deserto… e quindi al caldo. Ebbene, ho imparato a mie spese che il clima in quella zona non funziona esattamente come potremmo immaginare! Ignare e felici, io e mia cugina abbiamo pensato bene di non controllare il meteo prima di metterci in viaggio. Il risultato? Partenza da San Diego in pantaloncini e maglietta, arrivo al Grand Canyon nel bel mezzo di una bufera di neve – ovviamente gli indumenti più caldi che avevamo erano dei jeans, una felpa e la giacca di pelle. Meno male che mia cugina si era portata dietro due cappelli di lana! Insomma, non fate come noi e informatevi prima di partire!

Visitare il Grand Canyon
A marzo/aprile le temperature sono piuttosto basse

Periodo primaverile (marzo, aprile, maggio)

Questa è una delle stagioni migliori per visitare il Grand Canyon. Le temperature sono miti e i turisti non sono molti. L’unica accortezza riguarda la zona del North Rim: in caso di un inverno rigido potrebbe essere ancora chiuso

A marzo le temperature oscillano tra i -4° e gli 10°. A maggio quando ci si fra i 4° gradi i 21°. Il consiglio è quindi quello di vestirsi a strati. Inoltre aprile e maggio sono i mesi in cui le precipitazioni sono più scarse.

Periodo autunnale (settembre, ottobre, novembre) 

Dal mese di settembre le temperature che oscillano tra gli 8° e i 24° gradi, mentre al mese di novembre l’oscillazione è dai -3° agli 11°. Oltre alle temperature in calo bisogna comunque tenere presente che appena la neve inizia a scendere alcune strutture – specialmente del North Rim – iniziano a chiudere ai visitatori.

Periodo invernale (dicembre, gennaio, febbraio)

Climaticamente questo rappresenta sicuramente il periodo peggiore per visitare il Grand Canyon. Le temperature oscillano tra i -8° e i 7°. L’inverno è molto rigido per via dell’altitudine.

Le nevicate sono molto frequenti – soprattutto nel North Rim. Ma la cosa positiva è che riuscirete ad avere il Grand Canyon praticamente tutto per voi, dato che non sono tanti i turisti che decidono di visitare la zona durante il periodo invernale. Il panorama innevato a contrasto con il rosso della roccia forma uno spettacolo meraviglioso! 

Dove dormire

Gli alloggi nel South Rim spesso sono al completo – specialmente d’estate. Il consiglio è quindi di effettuare la prenotazione il prima  possibile. Tutti gli alloggi del sono gestiti da Xanterra. I più cari sono quelli situati sul ciglio del canyon, come ad esempio: Thunderbird Lodge, Kachina Lodge, El Tovar Hotel e Bright Angel Lodge. Se invece vuoi dormire nel Phantom Ranch, le prenotazioni sono aperte da 13 mesi prima – ma comunque i posti finiscono in fretta.

Come abbiamo detto all’inizio di questa guida, il North Rim non è aperto tutto l’anno. Gli alloggi all’interno del North Rim presso il Grand Canyon Lodge sono disponibili soltanto dal 15 maggio al 15 Ottobre. Il North Rim Campground è invece aperto fino al 31 Ottobre. Un’altra possibilità è Jacob Lake, aperto tutto l’anno.

Ti è piaciuto l’articolo su cosa vedere al Grand Canyon? Hai trovato informazioni utili per organizzare il viaggio? O magari lo hai visitato seguendo i miei consigli? Lasciami un commento qui sotto e raccontami la tua esperienza!

Supporta il blog: condividi l’articolo sui social!

Grand Canyon, cosa vedere e cosa fare

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.