Le migliori destinazioni da visitare nel 2023

“Viaggiare ti cambia la vita”

Questa affermazione l’abbiamo sentita tutti almeno una volta, ma soltanto chi viaggia davvero è in grado di comprenderne il reale significato. Infatti viaggiare non è soltanto un “semplice hobby”: le esperienze vissute lontano da casa temprano il carattere, aumentano la consapevolezza e permettono di avere una visione davvero completa della vita. Viaggiare significa scoprire cosa c’è oltre il nostro mondo, comprendere la meraviglia delle diversità, nutrire la mente con nuove prospettive e vivere emozioni che difficilmente possono essere descritte a parole.

Se non hai ancora deciso la meta per il tuo prossimo viaggio e vai alla ricerca di un paio di spunti, potresti dare un’occhiata alla classifica delle 30 migliori destinazioni 2023, magari dando un’occhiata alla Best in Travel di Lonely Planet.

Lasciati ispirare dalla magia di terre lontane, culture e tradizioni tutte da scoprire, qualunque sia la destinazione che sceglierai: a volte il viaggio perfetto è proprio quello che non credevi di voler fare. 

Assicurazione viaggio con copertura Covid Heymondo
Visita il sito ufficiale Heymondo, chiedi un preventivo, ottieni il 10% di sconto sul prezzo finale

Per aiutarti in questa importante decisione e aiutarti a organizzare la tua prossima esperienza in giro per il mondo, di seguito troverai una lista dei 7 migliori paesi da visitare nel 2023, selezionati in base alla quantità di attrazioni, attività culturali e monumenti storici tutti da scoprire, con particolare attenzione anche alle tradizioni culinarie locali.

Giappone

Giappone
Giappone – Photo by David Edelstein on Unsplash

Un territorio insulare nell’Oceano Pacifico, caratterizzato da numerose città con alta densità di popolazione. Tutti quanti conosciamo il Giappone per le sue tradizioni culinarie, che negli ultimi anni sono arrivate fino a noi: ma questa nazione ha molto altro da offrire. 

A partire da Tokio, la grande capitale ultra tecnologica che sembra provenire dal futuro, pur conservando le antiche tradizioni che da sempre caratterizzano il territorio giapponese. Qui troviamo, tra edifici maestosi e musei ricchi di storia, ma anche le opere di Renzo Piano, famoso architetto genovese.

Anche la città di Osaka potrebbe meritare una visita: attraversata da una rete di canali colmi d’acqua, ospita numerosi monumenti storici tra cui il rinomato Tempio Shitennoji, il primo costruito per introdurre la religione buddista.

Tra incantevoli foreste di bambù, santuari dall’architettura inconfondibile e musei, in Giappone sono davvero molto numerose mete turistiche che meritano di essere viste almeno una volta nella vita. Da non dimenticare poi la tradizione culinaria locale, che propone ovviamente il miglior sushi che potrai mai assaggiare.

Giordania

Petra Giordania
Petra, Giordania – Photo by Alex Vasey on Unsplash

Se non sai dove andare nel 2023 per il tuo prossimo viaggio, potresti scegliere la Giordania. Il paese arabo affaccia sul fiume Giordano, ed è ricco di monumenti antichi e affascinanti siti archeologici. Qui la storia del territorio si unisce a sabbia finissima, climi aridi e particolari conformazioni rocciose.

Ad Amman, la capitale, è presente un teatro romano molto ben conservato; mentre a circa 30 chilometri di distanza si trova Gerasa, un enorme sito archeologico anch’esso risalente all’epoca romana.

Una delle mete naturali più gettonate è di certo il Mar Morto, luogo davvero unico al mondo in cui l’acqua è 9 volte più salata di quella marina; proprio grazie a questa particolarità, si può galleggiare a pelo d’acqua con facilità. 

Ma uno dei luoghi più incredibili e maestosi, motivo per il quale dovresti tenere in grande considerazione la Giordania tra i paesi da visitare nel 2023, è la città di Petra: un vero e proprio insediamento abilmente scavato nella roccia, all’interno del quale si respira un’atmosfera incredibile, quasi surreale. 

Nella tradizione culinaria vi sono ricette particolari alcune delle quali sono arrivate fino a noi, come l’hummus di ceci e le polpette Falafel, ma il vero protagonista in Giordania è il té: lo si beve caldo e molto zuccherato.

Marocco

Chefchaouen Marocco
Chefchaouen, Marocco – Photo by Kyriacos Georgiou on Unsplash

Il Marocco è un paese dell’Africa settentrionale molto conosciuto per la particolarità delle sue architetture, tipicamente tinte di azzurro e decorate come da tradizione.

Il paese vanta diversi siti turistici molto interessanti che esaltano la cultura locale, la storia e le tradizioni degli abitanti. Casablanca, ad esempio, è certamente una meta da visitare almeno una volta nella vita, che tra l’altro è la più grande del Marocco.

Assolutamente degna di nota, poi, è la città blu di Chefchaouen, che regala scorci fiabeschi che non potrai fare a meno di fotografare. 

Nelle vicinanze di Rabat, capitale del Marocco, si tratta invece il sito di Hassan che potremmo definire come una vera e propria moschea a cielo aperto. Tra le attività alle quali i turisti possono prendere parte vale la pena prendersi il tempo per una Camel Ride, ovvero un percorso nell’arido Sahara sulla groppa di un cammello. 

Per quanto riguarda la cucina marocchina, essa è caratterizzata dalla presenza di molteplici ingredienti che vengono cucinati assieme, con l’aggiunta di numerose erbe e spezie. Il piatto più conosciuto è certamente il cous cous, ma tra le ricette tradizionali ne troviamo molte a base di carni speziate come ad esempio il Tajine.

Perù

Perù
Perù – Photo by Willian Justen de Vasconcellos on Unsplash

Tra i migliori paesi da visitare troviamo senza dubbio anche il Perù, un paese del Sud America che ospita buona parte della foresta Amazzonica. È un luogo molto apprezzato per le varie attrazioni turistiche presenti sul suo territorio, per i siti archeologici e per l’interessante cultura locale. 

Lima e Cuzco sono le due città principali, ricche di musei e monumenti. Perfette anche per assaggiare tutti i piatti tipici del luogo. Se invece vai alla ricerca di luoghi unici e paesaggi spettacolari puoi dirigerti alla Isole Ballestas, utilizzando le imbarcazioni che vengono messe a disposizione dei turisti. 

Non dimentichiamoci però che il Perù ospita una delle sette meraviglie del mondo: i resti dell’antica città di Machu Picchu, realizzata con blocchi di pietra ricavata sul posto. Una vera e propria opera d’arte che tutt’oggi sopravvive al passare del tempo conservando il suo antico splendore. 

Se invece ami l’escursionismo non dovresti perderti le Rainbow Mountains: particolari catene montuose che, con la sedimentazione di alcuni materiali, hanno assunto nel corso del tempo una colorazione striata, creando una sorta di “effetto arcobaleno”.

La cucina peruviana è varia proprio come il suo territorio, con particolari accostamenti di carne e vegetali sapientemente cucinati come ad esempio nella ricetta de L’aji de gallina o dell cuy. Degna di nota è la tradizione della pachamanca, che consiste nel cuocere gli alimenti posandoli sopra a pietre molto calde.

India

Taj Mahal India
Taj Mahal, India – Photo by Sylwia Bartyzel on Unsplash

Questa nazione dell’Asia Meridionale vanta un territorio davvero molto vasto, ricco di storia, tradizioni e monumenti. 

Avrai di certo sentito parlare almeno una volta del Taj Mahal, imponente mausoleo simbolo dell’amore eterno dichiarato patrimonio dell’UNESCO. Assolutamente degno di nota è anche il Harmandir Sahib, chiamato anche tempio d’oro; esso presenta ben 4 ingressi e chiunque può accedere al tempio, a prescindere dalla religione cui appartiene. 

Vale poi la pena visitare Delhi, la capitale indiana in cui troverai diversi monumenti storici e moschee, ma anche i magnifici pendii del Darjeeling in cui viene coltivata una particolare qualità di té, tra le più apprezzate al mondo. 

Durante un viaggio tra le meraviglie di questa nazione è possibile ammirare particolarità architettoniche che non è possibile trovare altrove, templi incastonati nella roccia e atmosfere uniche ricche di spiritualità.

La tradizione culinaria indiana è caratterizzata dalla presenza, quasi imprescindibile, delle spezie utilizzate per insaporire gli alimenti. La cucina in India è suddivisa in due diverse tradizioni, una che integra l’uso delle carni e una quasi esclusivamente vegetariana, mentre le spezie non mancano mai.

Thailandia

Phi Phi Islands Thailandia
Phi Phi Islands, Thailandia – Photo by Evan Krause on Unsplash

La Thailandia è un paese del sud-est asiatico che, grazie alla ricchezza di paesaggi naturali, spiagge tropicali e siti di grande interesse culturale rientra tra le migliori destinazioni 2023.

Come non visitare la splendida città di Bangkok e il suo Palazzo Reale, attrazione thailandese tra le più visitate in assoluto grazie al suo fascino impareggiabile. 

Per gli amanti della natura c’è il Parco Nazionale di Erawan, con la sua cascata a sette livelli e una meravigliosa pozza tropicale in cui è possibile fare il bagno in tranquillità; nella riserva sono presenti numerosi animali servatici, tra cui intere colonie di scimmie.

Ma il territorio della Thailandia è anche ricco di numerosi templi antichi, alcuni dei quali possono essere osservati all’interno del Parco storico di Sukhothai.

Le spiagge tropicali di questo paese sono molto conosciute e apprezzate, in particolare quella di Phuket: un meraviglioso paesaggio naturale in cui l’acqua è limpidissima e la spiaggia sormontata dalla vegetazione che cresce rigogliosa. Diverse sono, invece, le isole che è possibile visitare nei dintorni.

La cucina thailandese è caratterizzata da marcate note esotiche, freschezza e sapori unici. Se apprezzi il cibo piccante amerai di certo la zuppa di gamberi piccanti, o in alternativa la sua versione più “soft”: zuppa di pollo al cocco.

Uno dei primi piatti più famosi sono i pad thai, ovvero spaghetti di riso saltati con diverse verdure, gamberi e uova.

Islanda

Seljalandsfoss Waterfall Islanda
Seljalandsfoss Waterfall, Islanda – Photo by Robert Lukeman on Unsplash

L’Islanda è una nazione insulare dell’Europa settentrionale divenuta famosa per i suoi incredibili paesaggi naturali, che attira ogni anno l’attenzione di moltissimi turisti in particolar modo nei mesi invernali, durante i quali è possibile osservare con i propri occhi i colori dell’aurora boreale

L’Islanda è la meta perfetta per tutti gli amanti della natura e delle escursioni, poiché la maggior parte delle attività che propone si svolgono proprio all’aria aperta. Prendendo parte a una lunga camminata, ad esempio, è possibile visitare i fiordi occidentali oppure raggiungere la valle di Þórsmörk, anche se quest’ultimo percorso è poco adatto ai principianti.

In alcune zone a Nord i turisti possono prenotare una whale watching, un tour della durata di due circa durante il quale si avrà occasione di osservare le balene in mare aperto. Se invece preferisci un’escursione sulla terra ferma per ammirare tutte le meraviglie della flora locale, è possibile prenotare un trekking in sella ai pony Islandesi.

Ma abbiamo inserito l’Islanda tra i paesi da visitare anche per la sua interessante cucina: i piatti più antichi della tradizione islandese sono divenuti famosi grazie ai loro particolari ingredienti, che possono suscitare disgusto a chi non non ha mai avuto occasione di assaggiarli. Un esempio lampante è il Hákarl, ovvero lo squalo putrefatto, oppure la Lifrarpylsa, un insaccato di fegato di pecora. Lo Skyr islandese è invece un formaggio fresco, apprezzato e venduto in tutto il mondo.

Indonesia

Indonesia
Indonesia – Photo by Geio Tischler on Unsplash

Nazione composta da numerose isole vulcaniche, l’Indonesia è patria di numerosi gruppi etnici e il suo territorio si presenta ricco di spiagge, giungle e vulcani. 

All’interno del parco nazionale di Komodo è possibile prendere parti a escursioni all’interno di un paradiso tropicale, mentre a Bali è possibile avventurarsi all’interno della Sacra Foresta delle Scimmie, un lussureggiante polmone verde popolato da migliaia di esemplari selvatici. Nell’isola di Sumba si possono ammirare maestosi templi antichi e scattare foto a scorci di natura e rimanenze di antiche culture.

Essendo quello indonesiano un territorio molto esteso e popolato da numerose etnie diverse, non è possibile parlare di una tradizione culinaria condivisa; le ricette, gli ingredienti, i sapori e le tradizioni variano a seconda della zona in cui ci si trova. 

Tuttavia, tra i piatti tradizionali che non dovresti perderti durante il viaggio vi è il Gudeg: un piatto ricco in cui troviamo riso bianco, pelle di mucca, erbe saporite, giaco poco maturo e talvolta anche del pollo. 

La Lumpia è invece un involtino fritto che ricorda quelli della cultura cinese, ma contiene di solito ingredienti locali e anche peperoncino fresco. Quasi obbligatorio è inoltre assaggiare almeno una volta il Lontong Sayur Medan, una zuppa di verdure, riso al vapore e uova sode unite da una porzione generosa di latte di cocco.

Siti e servizi utili per viaggiare

  • Pianifica il tuo viaggio con Omio: acquista i biglietti, crea il tuo itinerario di viaggio
  • 10% di SCONTO sull’assicurazione di viaggio Heymondo (clicca qui, chiedi un preventivo, lo sconto ti verrà applicato automaticamente sul prezzo finale)
  • Consulta orari e prezzi dei voli su Kayak
  • Prendi parte a visite guidate, free tour e acquista i biglietti di accesso alle attrazioni su Civitatis
  • Viaggi di gruppo zaino in spalla: scopri WeRoad (ottieni 50 Euro di sconto sul tuo prossimo viaggio di gruppo WeRoad inserendo il codice sconto OGGIDOVEANDIAMO50)
destinazioni da visitare nel 2023

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.